Home Home

Un'Alleanza pubblico-privato per rilanciare il patrimonio artistico della città. È questo il senso dell'invito lanciato dalla Fondazione Brescia Musei e accolto, tra gli altri, dalla Fondazione ASM per dar vita a una sinergia nel segno della cultura.

L'idea, nata ben prima che l'epidemia da coronavirus facesse capolino nelle nostre vite, in questa delicata fase di ripartenza, rappresenta uno strumento più che mai propizio alla rinascita della città attraverso l'offerta culturale.

L'Alleanza per la Cultura raccoglie la partecipazione di una trentina di istituzioni, enti, fondazioni di sviluppo del territorio e aziende private intorno all'idea di valorizzazione del patrimonio artistico e del sostegno ai grandi eventi della comunicazione culturale.

È un progetto innovativo in quanto aggiorna i tradizionali format di foundraising basati sulla contingenza del momento e avvia una pianificazione triennale condivisa e coinvolgente per tutti gli attori che vi aderiscono.

Per Felice Scalvini, presidente di Fondazione ASM, l'Alleanza “permetterà di rinforzare le azioni di riduzione delle disuguaglianze, soprattutto nell’accesso alla cultura da parte dei giovani, elemento fondativo della cittadinanza” attraverso la promozione, tra le altre, di iniziative di taglio sociale, didattico, formativo.

Quest'ultima dichiarazione di intenti ha trovato immediata attuazione in un progetto che ha preso avvio nel difficile momento della didattica a distanza: “Il Museo in classe” che propone un viaggio virtuale attraverso sei video lezioni, curate dal regista Simone Rigamonti, all'interno dei musei cittadini sviluppando temi legati al programma curriculare per le classi primarie e secondarie di primo e secondo grado.

Inizio