Home Home

Mo.Ca. è un originale progetto per l’innovazione dell’impresa e della cultura.
Al Palazzo Martinengo Colleoni, che nel centro della città ha ospitato la sede di Fuori Expo, è stata assegnata una nuova identità di spazio pubblico con la funzione di "residenza" per la creazione di un incubatore per lo sviluppo di attività di start up, innovazione e creatività.

La Fondazione Asm è tra gli ideatori di Mo.Ca. che ha come primi inquilini stabili; al fianco del Comune di Brescia che vi ha trasferito l'Urban Center e le attività musicali e artistiche dell'Assessorato alla Cultura, Brescia Infrastrutture, nella veste di gestore; le quattro associazioni artigiane del territorio (Confartigianato, Associazione Artigiani, Cna, Assopadana), Residenza Idra per l’attività teatrale e il Centro della fotografia italiana.

 

Un laboratorio e un incubatore destinato a giovani interessati a sviluppare percorsi di autoimprenditorialità, questo è Makers hub Brescia, che ha trovato casa al Mo.Ca.
Un’ala di Palazzo Martinengo Colleoni è diventata uno spazio di rilancio e crescita per l’arte e da ieri per il settore manifatturiero 4.0, attraverso 13 atelier di altrettante realtà di giovani imprenditori.

«Senza Makers hub, Mo.Ca. non sarebbe la stessa cosa: è un laboratorio per unire e contaminare arti e mestieri» ha spiegato Roberto Cammarata, presidente del Comitato di gestione di Mo.Ca e della Fondazione Asm. «Makers hub pone Brescia al passo delle maggiori città italiane che hanno investito in questo senso, dando la possibilità di aprire spazi di ibridazione».

 

Per saperne di piùjpg
Le foto dei laboratori Le foto dell'evento Le foto dell'evento


 

"Di Moda" fotografie dal 1950 al 2000  è la prima mostra temporanea allestita al MO.CA., l’ex tribunale.

Aperta dal  29 ottobre 2016 al 29 gennaio 2017, propone un viaggio nella moda italiana, nei cambiamenti del gusto e del costume attraverso la fotografia. La mostra segue un percorso cronologico che va dalle fotografie dei primi anni Cinquanta sino alle esclusive e raffinate rappresentazioni degli anni Duemila.

Fra gli autori in mostra figurano i più grandi rappresentanti della fotografia di moda italiana, ma anche autori di reportage e fotogiornalismo: Gian Paolo Barbieri, Giuseppe Palmas, Pasquale De Antonis, Alfa Castaldi, Oreste Alabiso, Gian Butturini, Beppe Vigasio, Federico Garolla, Giovanni Gastel, Ugo Mulas, Carlo Orsi, Gianni Turillazzi, Elisabetta Catalano, Maria Vittoria Backhaus.

Per fornire una chiave di lettura più completa, oltre alle fotografie saranno visibili le riviste alle quali erano destinate le foto esposte: pubblicazioni che hanno contribuito a inventare e raccontare il mito del Made in Italy. Valore aggiunto dell’esposizione sarà la selezione di abiti storici dell’archivio Penelope.

 

Per saperne di piùpdfjpg
Le foto della conferenza stampa   Le foto dell'evento
La locandina La locandina  


 

L’ex tribunale cambia nome: non sarà più solo un contenitore di mostre e workshop ma un posto in cui si producono arti e mestieri e si studiano nuovi progetti

MO.CA. "Abbiamo cambiato nome perché è cambiato il senso del palazzo: non sarà più solo un contenitore di mostre e workshop ma un posto in cui si producono arti e mestieri e si studiano nuovi progetti" ha esordito in conferenza stampa Roberto Cammarata, presidente di Fondazione Asm e della nuova gestione di Brend, nel palazzo che ospitava il tribunale. Per il nuovo nome hanno pensato all’indirizzo, via Moretto e corso Cavour, il crocevia su cui si affaccia Palazzo Martinengo Colleoni, con le lettere poste a novanta gradi nel logo, e tra di esse un punto che rappresenta il palazzo, punto di incontro reale e ideale della cultura, intesa come chiave della rigenerazione urbana.

Con la delibera di Giunta del Comune di Brescia del 21 giugno 2016 è stato approvato l’accordo quinquennale per la creazione dell’Incubatore per l’innovazione impresa e cultura, finalizzato allo sviluppo di attività di start up, innovazione, creatività per promuovere nuove idee di impresa a sostegno dei giovani.

A fianco del Comune di Brescia, che trasferisce l’Urban Center e attività dell’Assessorato alla Cultura di ambito musicale e artistico, e di Brescia Infrastrutture, che ne diventa soggetto gestore: Fondazione ASM, le quattro Associazioni artigiane del territorio (Confartigianato, Associazione Artigiani, CNA, Assopadana). Residenza Idra e il Centro della fotografia italiana ne diventano i primi inquilini stabili, in una condivisione strategica e non solo spaziale.

L’armonia registica è garantita da un Comitato di coordinamento, composto dal presidente di Fondazione ASM che assume anche la guida del comitato, da un referente del Comune di Brescia, da un referente di Brescia Infrastrutture e da un referente per le quattro Associazioni artigiane.

Regione Lombardia ha reso possibile la realizzazione della sezione “makers hub brescia”, l’incubatore dedicato ai giovani designer e fashion designer che operino e intendano operare nell’ambito dell’artigianato e del manifatturiero 4.0.

 

Per saperne di più jpg
Le foto della conferenza stampa Le foto dell'evento Le foto delle conferenza stampa


 

Inizio